Home Andrea Roversi

Andrea Roversi

Dauðalogn

 

"Dauðalogn" è un progetto documentario a lungo termine sull’Islanda. Un viaggio alla scoperta dell’identità del paese dopo la crisi, che vuole conciliare uno sguardo sull’attualità con una più approfondita ricerca di natura personale, raccontando l’eterna e universale dialettica tra uomo e natura in un paesaggio “estremo”.

Nel 2008, l’Islanda è stata duramente colpita dallo scoppio della crisi economica. Ma negli ultimi anni il paese è stato protagonista di una miracolosa ripresa, diventando modello per conquiste straordinarie: il rifiuto di socializzare il debito lasciato in eredità dalle banche fallite, la stesura di una nuova costituzione scritta in crowdsourcing, la sottrazione di fondi alla finanza speculativa per pagare i mutui dei cittadini. L’isola ha scelto di fare un passo indietro (o avanti?) tornando alla terra, scommettendo sull’economia verde e sostenibile basata sulle risorse naturali. Le fattorie si sono ripopolate, le pecore sono tornate al pascolo. I ritmi della natura sono tornati a scandire i tempi della vita.

Con la guida di Andry, il più piccolo della famiglia, ho seguito la famiglia Jósavinsson durante la stagione autunnale, quando le giornate cominciano ad accorciarsi, le temperature a calare, e le famiglie tornano a raccogliersi intorno al lavoro e ai riti dettati dalla terra.

Li ho seguiti durante il lungo e buio inverno, quando la luce si fa risorsa rara e preziosa, e disegna lame che tagliano il nero fitto della lunga notte.

Sono stato stato testimone del loro quotidiano in primavera e nella breve e intesa estate raccontando, con diverse temperature della luce, la relazione tra gli uomini e il paesaggio e l’eterno mutare dei colori e delle atmosfere, i giochi dei bambini e i sussurri degli alberi, il respiro caldo degli animali e il lento scioglimento delle nevi.

"Dauðalogn" è un viaggio attraverso un paese ricco di contrasti, ma anche il romanzo di formazione di un bambino, Andry, che diventa adulto in un dialogo aperto con una natura estrema.

Biografia

Andrea Roversi, fotografo professionista nato a Roma nel 1983, si è avvicinato al reportage fotografico nel 2012 e ha poi approfondito la sua formazione con il Master avanzato in fotogiornalismo alla Scuola Romana di Fotografia.

Il suo primo lavoro, "Once Upon a Time", ha ricevuto la menzione speciale nella call Vacatio al FOTOGRAFIA- Festival Internazionale di Roma.

Tra i suoi progetti più recenti, "MaiDomo", cronaca dietro le quinte dell’MMA (Mixed Martial Arts), pubblicato dalla CNN, e "Dauðalogn", viaggio nell’Islanda del dopo crisi, finalista del Premio Tabò 2016 e tra i venti selezionati per Slideluck Naples 2016 e proiettati a Slideluck Tokyo, pubblicato tra gli altri su Pagina99, Io Donna, D Repubblica.

Collabora attualmente con l’agenzia Parallelozero.