Home Autori Arianna Sanesi

Arianna Sanesi

DISPERSAL

“E’ un giorno di nebbia e stiamo già camminando da un paio d’ore. Sono settimane che piove, e il bosco ha qualcosa di apocalittico, gli alberi sono crollati a terra e l’aria è immobile, densa di suoni ovattati [..] Tempo da lupi, si dice in Italia, e non si potrebbe essere più lontani dalla verità. I lupi non amano la pioggia[..] L’amico che mi fa da guida controlla il segnale GPS, per portarmi dove il collare ha lanciato il suo nemmeno un anno fa. Stiamo guardando quel che ha visto il lupo, penso. Forse.

Qualcosa di bianco tra le foglie: un osso, lungo e spesso. Pulito, pulitissimo. I lupi usano dormire di fianco alle prede abbattute finché non resta niente, ho letto. Gioia: siamo sulla strada giusta.

“Non hai paura? Un predatore potrebbe essere molto vicino a noi, in questo preciso momento.” chiede il mio amico.

No, non ho paura. I lupi sono quasi impossibili da incontrare, ma sono bravissimi a spiare da lontano, passando inosservati. E’ la loro natura. E’ così che vivono. Anche solo essere ammessi nel loro regno, ed essere in grado di vedere quel che vedono, è già un grande onore. [..]”

Dispersal è iniziato come un progetto sui lupi e lo è ancora, ma è più un progetto che riguarda un desiderio nei loro confronti e nei confronti di quello che rappresentano. I lupi, specie costantemente in pericolo (soprattutto a causa di antichi pregiudizi) sono ancora un simbolo potente di mistero, libertà e di una natura indipendente dalla volontà dell’uomo.

Ho utilizzato i dati relativi a Sic, giovane lupo italiano “in dispersione” di cui si sono perse le tracce (gli esemplari in dispersione sono quelli che lasciano il branco perché non conformi e vagano alla ricerca di un nuovo territorio ed eventualmente un nuovo compagno ) per avere un percorso da seguire, e ho fotografato tutti quelli che l’avevano incontrato. Volevo vedere quel che aveva visto il lupo.

Il lavoro completo comprende oggetti, dati e una scatola.

(Dopo otto mesi di tracciamenti Sic è scomparso, e il collare e stato trovato slacciato, nei boschi dell’Appennino. Sic continua ad essere un mistero e un simbolo.)

BIOGRAFIA

Arianna Sanesi è una fotografa italiana che vive tra Milano e Parigi.

Dopo una laurea in Storia della fotografia a Bologna, ha frequentato il CFP Bauer a Milano.

Attualmente si dedica a raccontare storie col mezzo fotografico, concentrandosi principalmente su tematiche culturali e sociali. Nel 2013 frequenta il semestre internazionale alla Danish School of Media and Journalism. Il progetto finale su un lupo in dispersione nell’Appennino italiano, Dispersal, diventa un oggetto che viaggia e viene esposto internazionalmente. Nel 2015 riceve un grant dal Festival Photoreporter en Baie de Saint Brieuc per portare avanti il progetto “I Would Like You To See Me” sui femminicidi in Italia, che viene esposto nell’Ottobre 2015.

Visualizza anche